News Historia

Tutte le novità e le attività, sempre nuove, che Historia organizza

La Forza del Colore al MUG

 

Il Museo Ugo Guidi e gli “Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus”, in collaborazione con la Galleria d’arte L’Alunno di Bologna e AsARTMagazine
presentano la mostra d’arte collettiva 
“LA FORZA DEL COLORE”
A cura di Calogero Cordaro
Museo Ugo Guidi 1 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI
1- 13 Luglio 2018
Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi in collaborazione con La Galleria d’arte L’ALUNNO di Bologna e AsArtMagazine ospita dal1 al 13 luglio 2018 la mostra collettiva di arte dal titolo “La Forza del Colore” con la partecipazione dei seguenti artisti: Anber, Angeli Maristella, Baruzzo Marco, Belloni Giulio, Bentini Gian Paolo, Bertoncelli Barbara, Bussolino Daniela, Colleoni Liliana, Conte Rosalida, Crisafio Marina, D’Amico Alessandro, D’Amico Francesca, D’Anna Nadia, Giovanni Frattini, Frigo Giacomo, Gladkova Elena, Guadagnucci Valentina, Keith Rosalind, Latini Fulvia, Massaria Luigina, Masuzzo Margherita, Mazzamuto Nunzio, Mineo Sara, Roberto Mondani, Maria Rita Onofri, Palma Aldo, Patti Cristina, Pecchia Lucia, Recchia Maurizio, Serrani Berardina, Strimbeanu Violeta .

La mostra, che è promossa e organizzata da AsART Magazine, sarà inaugurata Domenica 1 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione di Calogero Cordaro.

L’esposizione sarà visitabile fino al 13 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538 o museougoguidi@gmail.com mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere degli stessi artisti, tutti i giorni dalle 10 alle 23.

“Achille Funi e Ugo Guidi”, Ricordi di un’amicizia al MUG di Forte dei Marmi

Il “Museo Ugo Guidi” e “Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus” presentano la mostra

“ACHILLE FUNI e UGO GUIDI” Ricordi di un’amicizia, a cura di Vittorio Guidi

Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal 27 maggio al 29 giugno 2018 la mostra “Achille Funi e Ugo Guidi – Ricordi di un’amicizia”.

La mostra, che gode del patrocinio dell’Archivio Achille Funi di Milano, sarà inaugurata Domenica 27 maggio alle ore 18 al MUG con introduzione di Vittorio Guidi.

L’esposizione sarà visitabile fino al 29 giugno su appuntamento al 348-3020538 o museougoguidi@gmail.com .

Achille Virgilio Socrate Funi nacque a Ferrara nel 1890. Studiò disegno e decorazione dai 12 ai 15 anni. Nel 1906 fu a Milano dove seguì i corsi dell’Accademia di Brera per pittura. Nel 1914 partecipò al movimento futurista con Boccioni, Carrà, Russolo e Sant’Elia. Fu tra i primi volontari del Battaglione Volontari Ciclisti poi tenente dei bersaglieri ciclisti combattendo sul Piave. Al ritorno dalla guerra si ritirò a studiare sul lago di Como. Fu tra i fondatori del Gruppo del Novecento e tra gli organizzatori delle Mostre Nazionali del Novecento. 

Partecipò alle Esposizioni futuriste, alle Biennali di Venezia e Quadriennali di Roma e alle più importanti mostre italiane ed estere. Dal 1939 è stato titolare della Cattedra di Decorazione e Direttore dell’Accademia di Brera fino al 1960. Realizzò opere pubbliche e sue opere si trovano in Gallerie nazionali, a Parigi, Zurigo, Mosca, New York, Londra, Monaco di Baviera, Bruxelles, Amsterdam e numerose raccolte private. Morì il 26 luglio 1972.

Fino dagli anni ’60 trascorse tutte le estati a Forte dei Marmi nella stessa villetta con giardino, effigiato in numerose tele, molte delle quali avevano la presenza di un bambino, mio fratello Fabrizio che con i capelli rossicci e gli occhi verdi-azzurri è stato ritratto da molti artisti che hanno frequentato il Forte, da Treccani a Vernizzi, a Cassinari.

Funi, con l’ inseparabile sorella Margherita e il cane Lilli divenne subito amico di Guidi con cui partecipò in numerose giurie d’arte in Toscana inoltre insieme fecero visita più volte a Umberto Vittorini a Barga, a Raffaele Carrieri a Camaiore e a numerosi altri amici artisti.

La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi

Historia-vbc in provincia di Ferrara

Ferrara e la sua provincia sono custodi di incredibili tesori culturali forse, a volte, un poco misconosciuti.

Molti, ad esempio, citano la Toscana come culla del Rinascimento quando, a detta ad esempio di alcuni umanisti del XV secolo, il luogo di nascita di molti aspetti di questo periodo sarebbero

da ricercare in Val Padana, tra Ferrara, Padova e Mantova.

Dalla cultura etrusca al contemporaneo, Ferrara ed il suo territorio hanno sempre vantato grandi realtà.

Non a caso Historia-vbc, il cui fine è proprio il valorizzare queste eredità, sta iniziando a collaborare con diversi Enti con lo scopo di far conoscere ad un pubblico sempre più vasto i piccoli e grandi tesori “nascosti” nella bruna ferrarese.

Dove?

Niente paura, ve lo diremo: basta restate sintonizzati su queste pagina.

Il tempo degli incontri

Tanto per cambiare, già da qualche tempo è iniziato il “tempo degli incontri”. 

Dopo aver abbozzato i progetti, coinvolti amici e soci per definire sempre meglio le idee iniziali, ecc., una volta finita la “gestazione” si arriva al fatidico momento in cui le si devono presentare.

Telefonate ed email per prendere appuntamenti, incontri (spesso col cuore in gola: “Piacerà? Non piacerà?”), nuove “limatine” per aggiustare i progetti alle diverse esigenze.

In fondo le regole del “gioco” non cambiano mai.

“Gioco?! Ma si tratta di lavoro: è una cosa seria!”

Lavorare si, ma a modo nostro: sempre con piacere.

La foto è un opera di Pierre Boulat “Au bistrot Paris”, 1968.

 

Grazie

la mattina di sabato 5 maggio l’Amministratore di Historia-vbc ha incontrato alcune insegnanti dell’area faentina per un seminario dedicato ad un argomento molto sentito da  noi tutti: “Come avvicinare i bambini al mondo dei musei”.

Vorremmo ringraziare le organizzatrici dell’associazione “Fare Leggere Tutti“: Rosanna, la Presidentessa, Caterina e Rita.

Naturalmente un immenso grazie va alle docenti, e non solo, intervenute al seminario: interessate, attive, motivate e solari.

 

Forse solo un poco timide nel disegno…

A tutte: grazie di cuore: è stata davvero una bellissima esperienza, da tutti i punti di vista.

Come avvicinare i bambini al mondo dei musei – seminario sabato 5 maggio, Faenza

I LINGUAGGI DELL’EDUCAZIONE:
AVVICINARE I BAMBINI AL MONDO DEI MUSEI 
OBIETTIVI DEL CORSO

Il seminario è dedicato all’approfondimento del linguaggio dell’educazione e della scoperta, nell’ambito del difficile compito di avvicinare i bambini al mondo dei musei.
La prima parte del seminario sarà tenuta da Alessandro Boninsegna, archeologo presso il museo di Belriguardo, specializzato in progetti e percorsi di didattica museale per le scuole.

Francesca Casadio Montanari, esperta in educazione ambientale e percorsi educativi per le scuole, illustrerà ai partecipanti il suo particolare approccio alla scoperta della natura tramite la letteratura per l’infanzia.
DOVE E QUANDO

SABATO 5 MAGGIO/8 ore: 9-13; 14-18
Luogo: Museo del Rinascimento, Palazzo Laderchi, Corso Garibaldi 2, Faenza

A cura di Fare leggere Tutti