Museo

.. Ed ora Telegram!

Per chi non lo sapesse, Telegram è un servizio di messaggistica istantanea. 

Fondato nel 2013 dai fratelli Nikolai e Pavel Durov, Telegram, nel mese di febbraio 2016 ha raggiunto i 100 milioni di utenti attivi mensili, 350.000 nuovi utenti al giorno e 15 miliardi di messaggi scambiati giornalmente.

Tra le varie funzioni del servizio (chat cloud e segrete, gruppi e supergruppi, bot, chiamate vocali e Sticker) troviamo anche i  Canali, nati a settembre 2015. In pratica si tratta di chat in cui l’amministratore può inviare messaggi agli iscritti, anche se questi ultimi per ora non possono rispondere né commentare. Un canale può contenere un numero illimitato di iscritti e può essere pubblico o privato; al canale pubblico si può associare un indirizzo link e un username.

Da oggi Historia-vbc è anche su Telegram.

Volete essere aggiornati sugli eventi e sui Musei dove collaboriamo a vario titolo?

@Historiavbc su Telegram per info, mentre il canale è Historia-vbc, raggiungibile anche grazie al link

t.me/HistoriaNews

Vi aspettiamo vieppiù numerosi!

Autunno? tempo di musei!

L’autunno ormai è arrivato: piove spesso e quando non piove le giornate sono fredde e grigie, le temperature calano, cadono le foglie ormai secche. 

Ma i musei, grandi e soprattutto piccoli, per fortuna, sono aperti!

Ci sono ancora tante, tantissime cose da vedere e scoprire: reperti archeologici rarissimi, oggetti di carta delicatissimi, opere d’arte meravigliose.

Nei fine settimana, quindi, vogliatevi bene: andate a visitare un Museo!

Potrebbe essere lo spunto ideale per poi visitare tutto un territorio, no?

La nuovissima app del Museo Civico di Belriguardo

Se volete avere il Museo di Belriguardo sempre con voi, adesso c’è la nuovissima app (gratuita): come averla? Semplicissimo: aprite con lo smartphone il seguente URL 
https://itsnappy.appypie.com/index/app-download/app_id/9fdfd78abae0

scaricate il file .apk.

cliccate l’installazione cosi l’applicazione verrà installata sul dispositivo. Una volta installata l’applicazione, è possibile eliminare il file APAP da scaricare perché non è più necessario.

Ci vediamo prossimamente sul vostro smartphone!

 

Presentazione del libro “Ce l’ho, ce l’ho, mi manca” presso il Museo Tramonti di Faenza

Sabato 14 Ottobre alle ore 17.00, presso il Museo Guerrino Tramonti di Faenza (Ra), Aldina Ballardini presenterà il suoi libro “Ce l’ho, ce l’ho, mi manca”. 

“… i dubbi e le incertezze erano tanti, ma quello che avevo ben chiaro in mente era che il rapporto con i bambini e il lavoro manuale e creativo erano sempre stati per me fonte di grande curiosità e soddisfazione professionale.
Da allora miriadi di idee sono passate nella mia mente. Le mie mani hanno creato ed aiutato a costruire tantissimi manufatti ed ancora oggi, dopo tanti anni, aspetto con curiosità i bambini che, accompagnati dalle loro insegnanti, vengono a lavorare all’Officina dei Giochi” (dalla prefazione del libro).

Al termine l’autrice presenterà una “valigia dei nonni” e, con i bambini presenti, costruirà alcuni giochi di una volta.

Museo Guerrino Tramonti si trova in Via Fratelli Rosselli 8, Faenza (Ra)

 

Contatti.
Tel.: 392 3011196
Mail: museo@tramontiguerrino.it

Giornata Nazionale delle Famiglie in Museo 2017 a Belriguardo

Anche quest’anno il Museo Civico di Belriguardo, a Voghiera, parteciperà, l’8 ottobre, alla Giornata Nazionale delle Famiglie in Museo 2017
Per tutta la giornata ci saranno visite guidate gratuite alla collezione archeologica: per i visitatori più piccoli, dai 4 anni in su, sarà a disposizione un “angolo dei bambini” con fogli da disegno e matite colorate per disegnare a piacere i reperti delle vetrine.
Per i più “esperti”, poi, ci saranno a disposizione anche dei fogli dalle dimensioni di una cartolina per poter disegnare il reperto che preferiscono e poi spedire la cartolina a chi vorranno.
Costo biglietto. Intero: Euro 5
Ridotto: Euro 2 (disabili, scolaresche, studenti, bambini e ragazzi fino a 18 anni, insegnanti, giornalisti).

Vi aspettiamo e buon divertimento!

Una nuova installazione di Mery Godigna Collet nella Reggia di Belriguardo

In questo giorni, chi passerà davanti alla Reggia estiva estense di Belriguardo, alzando gli occhi verso il torrione, noterà qualcosa di strano: degli uccelli azzurri intorno al terrazzo della torre.

Si tratta di una nuova, interessantissima installazione di Mery Godigna Collet, artista venezuelana di fama mondiale innamoratasi di Belriguardo e della sua storia.

Cosa rappresentano quegli uccelli blu?

Sentiamo la stessa artista:
“Sogni di Altri

Il nostro tempo è definito da due situazioni molto particolari: le migrazioni e la tecnologia.

Comprendere le “migrazioni” come risultati dei flussi che cercano di fuggire da pregiudizi, persecuzioni, frequenti abusi, oppressioni, pulizie etniche, genocidi, disastri naturali e marginalizzazione sociale.

Può diventare uno scambio culturale valorizzante che, allo stesso tempo, grazie alla prossimità e alla vicinanza alle altre culture che rendono più ovvie le differenze, può produrre shock, paura e perdita di fiducia.

Da un punto di vista etico, come ha scritto il filosofo Jacob Appel, “Trattare gli esseri umani in modo diverso, semplicemente perché sono nati sul lato opposto di un confine nazionale, è difficile da giustificare dal punto di vista di qualsiasi principale teoria filosofica, religiosa o etica.”

Da un punto di vista economico, le ricerche dimostrano inoltre che le migrazioni portano a un migliore commercio di beni e servizi. E, nella ricerca di soluzioni per la povertà estrema sul pianeta, secondo gli economisti Michael Clemens e Lant Pratchett, “permettere alle persone di spostarsi da luoghi a bassa produttività a luoghi ad alta produttività sembra essere, e di molto, la più efficiente politica generalizzata, ai margini, per la riduzione della povertà.”

L’altra faccia della medaglia è la critica del multiculturalismo che mette in dubbio l’ideale della conservazione delle distinte culture etniche all’interno di una nazione. Alcune comunità temono che il multiculturalismo le riduca a un gruppo etnico tra tanti altri. I critici del multiculturalismo possono opporsi all’integrazione culturale di diversi gruppi etnici e culturali appellandosi alle leggi e ai valori esistenti della nazione. In alternativa, i critici potrebbero sostenere l’assimilazione dei gruppi etnici e culturali diversi all’interno di un’unica identità nazionale.

Noi, o almeno le generazioni future, affrontiamo un nuovo tipo di migrazione: quella che avrà luogo a causa del riscaldamento globale.

E comprendere la “tecnologia”, attraverso la nostra dipendenza dal mondo tecnologico e come strumento importante per la migrazione culturale e come portale verso meravigliose prospettive.

Ma, come dice Sir Martin Rees, essa ha un lato oscuro e può portare a qualche tipo di disastro: “Il nostro secolo è molto speciale, è il primo in cui gli umani possono cambiare se stessi e il loro pianeta di origine.”

Il reale impatto sul degrado dell’ambiente globale non ha precedenti e rappresenta una vera sfida.

Viene citata spesso una frase in particolare del Manifesto Russell–Einstein (1955): Ricordate la vostra umanità, e dimenticate il resto.

Le migrazioni e la tecnologia sono la “materia” di questo progetto.

La risposta che avremo come collettivo sociale a Migrazioni e Tecnologia determinerà in modo assoluto il futuro del nostro mondo.

“Ricordate la vostra umanità, e dimenticate il resto.”