Museo

Historia-vbc in provincia di Ferrara

Ferrara e la sua provincia sono custodi di incredibili tesori culturali forse, a volte, un poco misconosciuti.

Molti, ad esempio, citano la Toscana come culla del Rinascimento quando, a detta ad esempio di alcuni umanisti del XV secolo, il luogo di nascita di molti aspetti di questo periodo sarebbero

da ricercare in Val Padana, tra Ferrara, Padova e Mantova.

Dalla cultura etrusca al contemporaneo, Ferrara ed il suo territorio hanno sempre vantato grandi realtà.

Non a caso Historia-vbc, il cui fine è proprio il valorizzare queste eredità, sta iniziando a collaborare con diversi Enti con lo scopo di far conoscere ad un pubblico sempre più vasto i piccoli e grandi tesori “nascosti” nella bruna ferrarese.

Dove?

Niente paura, ve lo diremo: basta restate sintonizzati su queste pagina.

Il tempo degli incontri

Tanto per cambiare, già da qualche tempo è iniziato il “tempo degli incontri”. 

Dopo aver abbozzato i progetti, coinvolti amici e soci per definire sempre meglio le idee iniziali, ecc., una volta finita la “gestazione” si arriva al fatidico momento in cui le si devono presentare.

Telefonate ed email per prendere appuntamenti, incontri (spesso col cuore in gola: “Piacerà? Non piacerà?”), nuove “limatine” per aggiustare i progetti alle diverse esigenze.

In fondo le regole del “gioco” non cambiano mai.

“Gioco?! Ma si tratta di lavoro: è una cosa seria!”

Lavorare si, ma a modo nostro: sempre con piacere.

La foto è un opera di Pierre Boulat “Au bistrot Paris”, 1968.

 

Grazie

la mattina di sabato 5 maggio l’Amministratore di Historia-vbc ha incontrato alcune insegnanti dell’area faentina per un seminario dedicato ad un argomento molto sentito da  noi tutti: “Come avvicinare i bambini al mondo dei musei”.

Vorremmo ringraziare le organizzatrici dell’associazione “Fare Leggere Tutti“: Rosanna, la Presidentessa, Caterina e Rita.

Naturalmente un immenso grazie va alle docenti, e non solo, intervenute al seminario: interessate, attive, motivate e solari.

 

Forse solo un poco timide nel disegno…

A tutte: grazie di cuore: è stata davvero una bellissima esperienza, da tutti i punti di vista.

Come avvicinare i bambini al mondo dei musei – seminario sabato 5 maggio, Faenza

I LINGUAGGI DELL’EDUCAZIONE:
AVVICINARE I BAMBINI AL MONDO DEI MUSEI 
OBIETTIVI DEL CORSO

Il seminario è dedicato all’approfondimento del linguaggio dell’educazione e della scoperta, nell’ambito del difficile compito di avvicinare i bambini al mondo dei musei.
La prima parte del seminario sarà tenuta da Alessandro Boninsegna, archeologo presso il museo di Belriguardo, specializzato in progetti e percorsi di didattica museale per le scuole.

Francesca Casadio Montanari, esperta in educazione ambientale e percorsi educativi per le scuole, illustrerà ai partecipanti il suo particolare approccio alla scoperta della natura tramite la letteratura per l’infanzia.
DOVE E QUANDO

SABATO 5 MAGGIO/8 ore: 9-13; 14-18
Luogo: Museo del Rinascimento, Palazzo Laderchi, Corso Garibaldi 2, Faenza

A cura di Fare leggere Tutti

Mery Godigna Collet di nuovo a Belriguardo. Ricordando Lucrezia Borgia.

Sappiamo che la Reggia estiva di Belriguardo era la residenza preferita di Lucrezia Borgia, moglie di Alfonso I e duchessa di Ferrara.

Lo sappiamo grazie ad una lettera scritta da Bernardino Prosperi ad Isabella d’Este in cui scrisse: “Non si è mossa da Belriguardo” riferì Prosperi il 9 maggio “dove si intende che Lei (Lucrezia Borgia) sta multo volentieri“.

Per ricordare questa leggendaria figura del Rinascimento italiano, l’artista venezuelana Mery Godigna Collet, ormai grande amica di Belriguardo, presenterà nella sala del Museo Archeologico una collezione di sciarpe di seta giapponese dipinta (filo per filo), tutte rigorosamente firmate e numerate (quindi un’edizione limitata) dedicata ed ispirata dalla famosa Duchessa italo-spagnola.

Inutile dire che vi aspettiamo numerosi a Belriguardo per questo straordinario evento.

 

Vi ricordiamo infine che l’ingresso al museo prevede un biglietto: Intero: Euro 5, ridotto: Euro 2 (disabili, scolaresche, studenti, bambini e ragazzi fino a 18 anni, insegnanti, giornalisti), gratuito per i cittadini del Comune di Voghiera.

la Visita Virtuale del Museo Civico di Belriguardo

Proseguendo nella sua politica di valorizzazione del patrimonio culturale, la società Historia S.n.c., mandataria per la gestione del Museo Civico di Belriguardo, a Voghiera, ha organizzato un percorso di visita virtuale alla collezione della Reggia estiva. 

 

La prima parte del progetto ha riguardato la creazione e messa in opera di una serie di Qr code grazie ai quali, scaricando una breve scheda direttamente sul proprio smartphone, i visitatori potranno avere, in ben quattro lingue (italiano, inglese, francese e spagnolo) le informazioni basilari riguardanti i reperti più importanti che sono esposti nelle vetrine della sezione Archeologica del Museo. 

 

Presto questo servizio sarà esteso anche alla sezione Rinascimentale del Museo voghentino, ovvero alla Sala della Vigna ed ai suoi affreschi rinascimentali: armatevi quindi di smartphone e venite a seguire la visita guidata virtuale a Belriguardo.

I Segreti della Storia a Belriguardo

La società che gestisce il servizio pubblico radiotelevisivo in Francia e nei territori d’oltremare francesi si chiama France Télévisions

Al suo interno, France 2 rappresenta il primo canale pubblico per ascolti.

Uno dei programmi di punta di France 2 è Secrets d’Historie, nella cui pagina Internet si legge: Secrets d’Histoire è un programma televisivo presentato da Stéphane Bern. Ogni numero traccia la vita di una grande persona nella storia e mette in evidenza alcuni dei siti più emblematici del patrimonio.

Una delle prossime puntate sarà dedicata ad una delle donne più importanti ed emblematiche del Rinascimento: Lucrezia Borgia, figlia di papa Alessandro VI.

Nel 1501 la Borgia sposò Alfonso d’Este e si trasferì nel Ducato di Ferrara.


Qui il
castello di Belriguardo, la prima residenza estiva di una signoria in Europa, divenne la sua residenza preferita.

Ecco spiegato perché una troupe della trasmissione francese, il 14 marzo, ha passato una bella mattinata di riprese, interviste e sole nella reggia estiva di Voghera.

A quando la trasmissione?
Ve lo faremo sapere: voi intanto seguiteci.