Romagna

Presentazione del libro “Ce l’ho, ce l’ho, mi manca” presso il Museo Tramonti di Faenza

Sabato 14 Ottobre alle ore 17.00, presso il Museo Guerrino Tramonti di Faenza (Ra), Aldina Ballardini presenterà il suoi libro “Ce l’ho, ce l’ho, mi manca”. 

“… i dubbi e le incertezze erano tanti, ma quello che avevo ben chiaro in mente era che il rapporto con i bambini e il lavoro manuale e creativo erano sempre stati per me fonte di grande curiosità e soddisfazione professionale.
Da allora miriadi di idee sono passate nella mia mente. Le mie mani hanno creato ed aiutato a costruire tantissimi manufatti ed ancora oggi, dopo tanti anni, aspetto con curiosità i bambini che, accompagnati dalle loro insegnanti, vengono a lavorare all’Officina dei Giochi” (dalla prefazione del libro).

Al termine l’autrice presenterà una “valigia dei nonni” e, con i bambini presenti, costruirà alcuni giochi di una volta.

Museo Guerrino Tramonti si trova in Via Fratelli Rosselli 8, Faenza (Ra)

 

Contatti.
Tel.: 392 3011196
Mail: museo@tramontiguerrino.it

Historia-vbc alla XIV edizione della Festa Internazionale della Storia

Ed eccoci alla XIV edizione di questo appuntamento culturale che, di anno in anno, diviene sempre più importante, interessante e stimolante: la Festa Internazionale della Storia.

Vi diamo, qui di seguito, l’elenco degli eventi organizzati da Historia-vbc.
Preparatevi: sono tanti e tutti ugualmente interessanti!

Fortezza, Castrocaro Terme (Fc)
22 ottobre 2017, Visite guidate: Corte con Ulivo del XVII secolo, Grotte trogloditiche, Torre delle Segrete e dei Tormenti, Chiesa di Santa Barbara, Palazzo del Castellano, ove sono allestiti: 
Museo storico-archeologico del Castello e della Città (MuSA): armi, maioliche, arredi, suppellettili e dipinti antichi;
L’Aquila le Chiavi il Giglio, esposizione permanente di documenti e reperti archeologici che documentano e raccontano la millenaria storia della Fortezza di Castrocaro;
Enoteca della Strada dei Vini della Provincia Forlì-Cesena, per la promozione e valorizzazione dei prodotti enogastronomici del territorio.
Info: +39 0543 769541 info@proloco-castrocaro.it
Via Fortezza, 1 Castrocaro Terme (FC)

Collezione Mario Piva, Ferrara
Domenica 29 ottobre, ore 17.00, L’arte contemporanea a Ferrara: Mario Piva. Visita guidata gratuita alla collezione. Prenotazioni: 392-6761.945.
Collezione Mario Piva, Via Cisterna del Follo 39, Ferrara

Museo Guerrino Tramonti, Faenza (Ra)
Sabato 21 ottobre, ore 17: laboratorio didattico per bambini da 5 a 10 anni “Ritratti”. Costo del laboratorio: Euro 5. Prenotazione obbligatorio al 392-676.1945. Numero minimo di partecipanti: 5
Domenica 22 ottobre, ore 21: conferenza ” Faenza e la ceramica, dal Rinascimento ad oggi”. Relatore: Giuliano Vitali, storico faentino. Ingresso gratuito.
Museo Guerrino Tramonti, Via Fratelli Rosselli 8 Faenza (RA).

Centro Culturale Carlo Venturini, Massa Lombarda (Ra)
Mercoledì 25 ottobre, ore 17 :Carlo Venturini ed il suo Museo. Visita guidata su prenotazione obbligatoria allo 0545-985832. Ingresso gratuito.
Centro Culturale Carlo Venturini, Viale Zaganelli 1, Massa Lombarda (RA)

Museo di Arte Povera, Sogliano al Rubicone (Fc) 
Sabato 21 ottobre, ore 15: laboratorio x bambini’ la tecnica a sbalzo’. Descrizione: i bambini realizzeranno su lamina di alluminio un disegno floreale con la tecnica a sbalzo. Infine coloreranno il disegno con tempere acriliche. Costo del laboratorio: Euro 5. Prenotazione obbligatoria telefonando al 320-961.7738
Museo di Arte Povera di Sogliano al Rubicone, Piazza Garibaldi, Sogliano Al Rubicone (FC)

Museo Civico di Belriguardo, Voghiera (Fe)
Sabato 21 ottobre, ore 16: Laboratorio di Ceramica per i più giovani. I partecipanti potranno creare, con la tecnica del lucignolo, il proprio piatto che poi decoreranno con i motivi tipici della graffita ferrarese. Prenotazione obbligatoria. Costo Euro 5 a partecipante.
Venerdì 27 ottobre ore 16: visita guidata “le residenze dei duchi d’Este nel Delta del Po illustrano in modo eccezionale l’influenza della cultura del Rinascimento sul paesaggio naturale”. Intorno alla Reggia di Belriguardo, oggi patrimonio UNESCO, le trasformazioni del territorio operate dagli uomini sono ancora oggi ben visibili. 
La visita partirà dalla strada di fronte al castello, attraversando quanto rimane del fossato che, durante il rinascimento, circondava tutto il palazzo, osservando la peschiera, vera e propria “dispensa” dei Duchi e teatro di favolose naumachie organizzate per intrattenere gli ospiti di riguardo della corte estense.
Entrati nella Reggia, attraversando i due cortili, sarà descritto il palazzo come si presentava al tempo degli Este fino a giungere nei campi dove, più di quattrocento anni fa, sorse uno dei primi esempi di giardini all’italiana d’Europa.
Per chi volesse continuare, infine, sarà possibile visitare la Sala della Vigna ed il Museo archeologico.
Visita guidata a peschuiera, cortili e campi: gratuita.
Costo biglietto Museo. Intero: Euro 5 
Ridotto: Euro 2 (disabili, scolaresche, studenti, bambini e ragazzi fino a 18 anni, insegnanti, giornalisti).
Domenica 29 ottobre, alle ore 16, all’interno della stupenda Sala della Vigna, unico salone affrescato al momento conosciuto degli oltre centro presenti nella Reggia di Belriguardo, avremo la visita guidata tenuta dall’architetto Sergio Cariani.

Info e prenotazioni:
tel. 392 6761945
mail: museo.belriguardo@comune.voghiera.fe.it

Alla Fortezza di Castrocaro torna TANABATA

Alla Fortezza di Castrocaro torna TANABATA: Usanze, cultura e antiche leggende della tradizione giapponese. 

Sabato 24 giugno dalle 17 alle 24, domenica 25 dalle 10 alle 13, dalle 16 alle 20.

Da 13 anni la ProLoco di Castrocaro organizza nella fortezza l’originale manifestazione giapponese, tesa a conoscere le affascinanti tradizioni della cultura di un mondo così lontano ma ormai anche molto vicino a noi.

Grazie all’amicizia ormai consolidata con l’Associazione di cultura giapponese LAILAC, la ProLoco chiama ogni anni a Castrocaro un gruppo di donne del sol levante, giovani e meno giovani, che propongono ai visitatori alcuni aspetti delle loro tradizioni: i Desideri Tanzaku, i Giochi d’Estate, Indossare Yukata, Danza Bon Odori, Calligrafia giapponese, Origami: l’arte della carta, Chirimen: piccoli oggetti in tessuto, Minibazar.

I Desideri Tanzaku – L’Oracolo della Fortuna
I Giochi d’Estate – Indossare Yukata
Danza Bon Odori – Calligrafia giapponese
Kanji – Arti marziali – Minibazar
Tè cerimonia (Una tazza di tè per soddisfare l’umano bisogno di serenità)

ProLoco di Castrocaro. 0543.769541

La Fondazione Guerrino Tramonti a Faenza (Ra)

Guerrino Tramonti nacque il 30 giugno 1915, a Faenza. 

Partecipò, precocissimo, a diverse mostre regionali e nazionali: nel 1931 ottenne il premio “Rimini”; nel 1932 e nel 1934 il 1° premio al Concorso “Rubicone” della città di Rimini.
Tra il 1944 e il 1947 si trasferì a Venezia, dove frequentò lo studio di Filippo De Pisis, artista già incontrato diverse volte in Emilia-Romagna.

Nel 1951 inaugurò il suo studio in via Tolosano a Faenza ed fu nominato insegnante di plastica alla Scuola d’Arte di Civita Castellana.

Nel corso dei decenni successivi, sino alla fine degli anni Sessanta, quando terminerà l’attività di ceramista per dedicarsi alla pittura, ottenne diversi riconoscimenti.
Nel 1956 l’editore De Luca pubblicò una sua monografia, con presentazione di Leonardo Sinisgalli, nella collana “Artisti d’oggi”. 
Dal 1953 diresse diverse Scuole d’Arte italiane: Castelli d’Abruzzo, Cagli, Forlì ed infine Nove di Bassano, dove terminò la sua carriera scolastica.
Dagli anni Settanta in poi continuò ad esporre con successo in mostre collettive e personali in Italia e in tutto il mondo (ricordiamo anche la mostra postuma “Ceramica Viva” a Tokyo, presso l’Istituto Italiano di Cultura).

Guerrino Tramonti morì a Faenza il 17 ottobre 1992.

Le sue opere sono presenti in moltissimi Musei italiani e stranieri, dalla Pinacoteca Comunale di Faenza alla Città del Vaticano, dal Victoria and Albert Museum di Londra al Museo Arte Moderna di Tokyo.

La Fondazione Guerrino Tramonti è divenuta una realtà nel 2010 per valorizzare il “contenitore” che l’artista volle nella sua casa-museo nel 1987. 

Conta 7 sale e circa 390 opere, dai piatti di ceramica ai tappeti.
Nelle sale sono esposte le opere che, secondo l’autore, meglio rispecchiano il suo percorso artistico: un’immensa varietà di forme e di colori e un sublime mondo espressivo creato da un’originale sensibilità cromatica, applicata anche ai dipinti su tela e tavola.
Il periodo iniziale (anni Trenta e Quaranta) è rappresentato dalle sculture in terracotta.
Sono presenti anche dipinti del “periodo veneziano”(1945 – 1948) caratterizzati dall’estetica post-metafisica, per passare alle opere in ceramica smalt

ERGEWRGGRE

ata in policromia, con una grande intensità cromatica e dalla straordinaria qualità dei rivestimenti che danno vita a immagini eccezionalmente nitide e poetiche. Nel Museo si possono ammirare le sue “porcellane”, di cui era particolarmente orgoglioso, ispirate ai materiali e alle tecniche della ceramica di Cina, Corea e Giappone.
Sono esèposti anche i suoi famosi dischi decorativi, eseguiti con la tecnica dell’invetriatura a grosso spessore, “inventata” dall’artista nel 1953.
Nell’ultima sala troviamo infine i dipinti ad olio realizzati tra la fine degli anni Sessanta e il 1992, anno della sua morte.
A concludere il percorso, è stato ricreato lo studio dove l’artista ha operato negli ultimi anni.

 

 

 

 

La Fondazione Guerrino Tramonti si trova a Faenza, in Via Fratelli Rosselli, 8.
L’ingresso è gratuito e le visite guidate per scuole ed enti si tengono su appuntamento.
Il Museo è aperto dal lunedì al sabato, dalle ore 14,30 / 18,30, domenica e mattine su appuntamento.

Historia-vbc in Romagna

Vi avevamo accennato, qualche tempo fa, di possibili sviluppi inerenti la presenza di Historia in Romagna.

Bene: questi sviluppi si stanno sempre più concretizzando!

Nella mappa potete notare, in rosso, alcuni dei luoghi dove Historia sta già operando o inizierà a breve. Ne manca ancora qualcuno, ma in linea di massima è abbastanza completo.

Come? mancano i i nomi dei Musei? Un po’ di pazienza: lasciateci concretizzare bene.

State sintonizzati e presto saprete anche i nomi dei Musei di Historia-vbc in Romagna.