social network

… E si riparte!

… E si riparte di nuovo!

si_riparte

Carl Mydans, “Il messaggero della Regina parte per il Foreign Office” (1954)

Nuovi appuntamenti, nuovi incontri, nuovi musei e gallerie d’arte, nuovi eventi da seguire ed organizzare.

Sempre, comunque, Cultura da divulgare, condividere, far conoscere, insomma: la nostra missione.

Perché da queste parti amiamo molto tutto ciò che ha a che fare con la Cultura e vogliamo far provare anche ad altri la nostra passione. Non è facile, ma ci si prova.

“Ma dove sono questi nuovi musei, queste gallerie?”

Per adesso potete seguire i Musei con cui già collaboriamo.
Su quelli nuovi ancora non vi diciamo nulla: se lo volete scoprire qualcosa non vi resta, come sempre, che seguirci sul nostro sito, sulla nostra newsletter o con l’app di Historia-vbc.

A presto dunque!

Presentazione de “Le radice del Gusto”a Belriguardo

Domenica 25 Novembre, alle ore 16.00, presso la Sala delle Bifore della Reggia di Belriguardo, verrà presentato il volume di Carlo Mantovani “Le radice del Gusto”.

locandina_evento

locandina dell’evento

Come gli alberi sono radicati sul terreno, la gastronomia tradizionale è radicata nel territorio. Viaggio nella grande bellezza dell’Emilia Romagna, tra grandi alberi e grandissimi piatti. Tra piante maestose e ricette deliziose.
Una guida regionale che propone itinerari alternativi, per un turismo “illuminato”, alla scoperta di piccoli tesori nascosti: percorsi che uniscano cibo (cioè cultura) e paesaggio (cioè natura).
Questi itinerari dendro-gastronomici giustappongono gli alberi monumentali (che affondano le radici nel terreno) a feste, sagre o fiere che celebrino prodotti tipici o piatti tradizionali (che affondano le radici nel territorio).

Seguirà una piccola degustazione di prodotti del territorio offerta dal Consorzio dell’Aglio DOP di Voghiera.

Il progetto Alleanza Scuola-Museo per la Cultura di Historiavbc

In questo periodo, anche dal punto di vista culturale, possiamo notare un generale impoverimento: da un lato c’è una totale indifferenza (nel miglior dei casi) del grande pubblico verso il patrimonio artistico nazionale, mentre, sull’altro versante, vediamo delle accese polemiche sulla sua gestione da parte degli addetti ai lavori.
Comunque un generalizzato impoverimento della Cultura.

La proposta di Historia-vbc, “Alleanza Scuola-Museo per la Cultura”, vuole ristabilire

visita-guidata-divertente

Visita guidata

un legame, oggi sempre più tenue nel migliore dei casi, tra il Museo e la Scuola, due dei baluardi più importanti, seppur malmessi, della nostra Cultura.

Il progetto mira alla divulgazione della Cultura (storica, artistica, archeologica, architettonica, ecc.) realizzata grazie ad una serie di sotto-progetti realizzabili in collaborazione tra la società e le singole classi dei diversi Istituti Comprensivi.

Questi sotto-progetti verranno studiati appositamente per valorizzare sia il museo del territorio sia, appunto, il territorio di pertinenza sia della scuola che del museo.

Alcuni di questi sotto-progetti sono già stati presentati, altri lo saranno presto: se anche altri musei o scuole fossero interessate, potranno contattarci senza problemi.

 

Il Museo della Caffettiera: si allarga la rete di Historia-vbc

Ve lo avevamo già accennato in un articolo di maggio: la rete dei Musei coi quali Historia-vbc, a vario titolo, collabora si sarebbe allargata. 

Sta succedendo proprio adesso.

La prima “new entry” nella nostra rete è il Museo Penazzi della Caffettiera, a Ferrara.

 

Naturalmente anche qui stanno per partire dei progetti didattici rivolti sia alle scuole che alle famiglie.

Sono già praticamente tutti pronti e, a breve, ve li faremo anche conoscere nel dettaglio: dovete solo avere ancora un poco di pazienza e, naturalmente, continuare a rimanere sintonizzati qui con noi, sul sito, con la nostra app da scaricare sullo smartphone o grazie alla nostra newsletter

Lanciotto Baldìanzi al MUG di Forte dei Marmi

Il Museo Ugo Guidi e  gli “Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus” presentano la mostra di pittura dell’artista

LANCIOTTO BALDANZI 

A cura di Vittorio Guidi

Presentazione dell’artista: Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI

15 – 30 Luglio 2018

Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi.

La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .

L’esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538 o museougoguidi@gmail.com mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23.

Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949 ed iniziò a dipingere fin dagli anni ’60.

Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo.
Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania.

Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier.
Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.

I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta, anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.

Vacanze? Non scherziamo

Siamo a luglio e, col bene che ti voglio, quest’anno le vacanze, per noi di Historia-vbc, saranno molto, ma molto risicate.
Quasi assenti.
Perché? 
Semplice, perché dobbiamo: finire di organizzare e divulgare i laboratori didattici di due nuovi musei, promuovere quelli già conosciuti (anche quelli che, negli anni scorsi, sono passati un po’ sotto tono), iniziare a collaborare fattivamente con un’Università, organizzare e coordinare quattro eventi, lanciare tre nuove iniziative, proporre alcuni nuovi progetti di divulgazione culturale e chi più ne ha, più ne metta.
Per il momento potrebbe bastare, non credete (ma solo per il momento)?
Se ne vorrete sapere di più…. ogni tanto passate da queste parti (oppure iscrivetevi alla nostra newsletter o scaricate la nostra app per smartphone).

“Achille Funi e Ugo Guidi”, Ricordi di un’amicizia al MUG di Forte dei Marmi

Il “Museo Ugo Guidi” e “Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus” presentano la mostra

“ACHILLE FUNI e UGO GUIDI” Ricordi di un’amicizia, a cura di Vittorio Guidi

Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal 27 maggio al 29 giugno 2018 la mostra “Achille Funi e Ugo Guidi – Ricordi di un’amicizia”.

La mostra, che gode del patrocinio dell’Archivio Achille Funi di Milano, sarà inaugurata Domenica 27 maggio alle ore 18 al MUG con introduzione di Vittorio Guidi.

L’esposizione sarà visitabile fino al 29 giugno su appuntamento al 348-3020538 o museougoguidi@gmail.com .

Achille Virgilio Socrate Funi nacque a Ferrara nel 1890. Studiò disegno e decorazione dai 12 ai 15 anni. Nel 1906 fu a Milano dove seguì i corsi dell’Accademia di Brera per pittura. Nel 1914 partecipò al movimento futurista con Boccioni, Carrà, Russolo e Sant’Elia. Fu tra i primi volontari del Battaglione Volontari Ciclisti poi tenente dei bersaglieri ciclisti combattendo sul Piave. Al ritorno dalla guerra si ritirò a studiare sul lago di Como. Fu tra i fondatori del Gruppo del Novecento e tra gli organizzatori delle Mostre Nazionali del Novecento. 

Partecipò alle Esposizioni futuriste, alle Biennali di Venezia e Quadriennali di Roma e alle più importanti mostre italiane ed estere. Dal 1939 è stato titolare della Cattedra di Decorazione e Direttore dell’Accademia di Brera fino al 1960. Realizzò opere pubbliche e sue opere si trovano in Gallerie nazionali, a Parigi, Zurigo, Mosca, New York, Londra, Monaco di Baviera, Bruxelles, Amsterdam e numerose raccolte private. Morì il 26 luglio 1972.

Fino dagli anni ’60 trascorse tutte le estati a Forte dei Marmi nella stessa villetta con giardino, effigiato in numerose tele, molte delle quali avevano la presenza di un bambino, mio fratello Fabrizio che con i capelli rossicci e gli occhi verdi-azzurri è stato ritratto da molti artisti che hanno frequentato il Forte, da Treccani a Vernizzi, a Cassinari.

Funi, con l’ inseparabile sorella Margherita e il cane Lilli divenne subito amico di Guidi con cui partecipò in numerose giurie d’arte in Toscana inoltre insieme fecero visita più volte a Umberto Vittorini a Barga, a Raffaele Carrieri a Camaiore e a numerosi altri amici artisti.

La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi